Nervi.

Quattordici di (quasi) venticinque e mi sorprendi ancora.

image

Andando, una sosta su una passeggiata che feci, l’ultima volta stando in piedi, sul sostegno posteriore del passeggino di mia sorella, perché due km erano troppi anche per le mie zampone lunghe.
E tutto riaffiora, nostalgico, ma nuovo, soprattutto per il punto di vista di almeno 60 cm più alto! Ma quello varia in fretta perché, per cogliere i dettagli, mi abbasso, mi inginocchio, mi avvicino.

image

La ringhiera è la stessa, di quel bel verde acqua marina, con le onde sinuose che rimandano al mare, sorridente lontano, anzi proprio lì, ad un respiro di salsedine.

image

Sinuoso il cammino, abbracciato alle rocce,
addolcito da fiori, da alberi che profumano di estati lontane.
Piccoli slarghi dove riposare guardando lontano, scattando una foto, scambiandosi un bacio.
Spruzzi  e gabbiani, piccoli caffè sulla scogliera, piccoli stabilimenti balneari in arditi equilibri di pali.
E parchi pieni di rose e bambini…
Un ragazzo con un furgone “ape” attrezzato a gelateria: solo sei gusti, quelli classici, nocciola, cioccolato, fior di latte…Aveva ragione quel bimbo a dire che era “buoniSSSimiSSSimo!”.
La torre, il porticciolo con le case colorate, il tramonto.
Andiamo: “Zena” ci aspetta.
(segue)

Annunci