Ladro!

image

Questa è la foto tessera del nipotONE!
Quel LADRO ha rubato un 75!
Non so che grimaldello abbia usato…di sicuro non lo studio!
Avrà fatto il “piacione” con le prof? La faccina da cucciolo bagnato? Mah…
Comunque quel 75 (rubato) adesso è suo!
Ho un nipotONE “maturo” ed io sono una zia un po’ str***a, ma questo lo so!
Vabbe’ auguri Einstein de noantri (sta gongolando neppure avesse preso 100!): buona fortuna!
F.to:
Zia KalONZA.
😀

…e la prima è andata!

wpid-exam.gif

Brano di conversazione via Viber col nipotONE, al ritorno dalla sua prima prova scritta dell’esame di maturità.

E: E la prima è andata
ZIA KALI: Racconta!
E: Saggio sul cervello.. la prof ha detto che testi erano un po’ “streusi” questo e un altro di ambito politico si potevano fare io ho scelto scientifico.. poi c’era un tema storico e analisi del testo di Magris
Z.K.: Se il soggetto era autobiografico…siamo spacciati! Uahhhhhhh!
E: Ahahahaha
Z.K.: Cervello: questo sconosciuto…
Ci avrei giurato che non avresti fatto l’analisi del testo!
E: Nemmeno lo abbiamo fatto sto Magris. Comunque ho fatto 4 colonne.
Z.K.: 4 colonne! Cavolo ti sei spremuto le meningi
E:  ahhhahhhaaa! Si!
Z.K. Dove vi siete fermati col programma? A Dante? 😀
E: Noo Manzoni 😉
Z.K.: Ahhh almeno alla prima metà dell’ottocento ci siete arrivati! (Che vergogna!)
E: Ahahahaha ma dai no abbiamo fatto fino a 900
Z.K.: Beh Manzoni …è morto prima! 😦
E: Vabbe tu mi parli di Dante
Z.K.: MA CHE STAI A DIIIIIII SOMARO COL BOTTO!
E: È vero
(Ndr: L’oracolo Wikipedia deve essere arrivato in soccorso per limitare i danni…)
Z.K.: Manzoni è morto nel 1873! Dante all’inizio del trecento! Oh my God!
E: Abbiamo fatto fino a Svevo, Montale…
Z.K.: Ahhhhh ma allora al secolo scorso ci siete arrivati! Cavolo mi dici Manzoni!
E: siiii
Z.K.:Ma dov’eri quando spiegavano il 900? Al cesso? 😀
E:  Mmm sii 😀
Z.K.: Ci avrei giurato! 😀
(…)
____________________________
Tralascio il resto…
Che zia Kali fosse notoriamente una scassa balle, lo sapevate già.
Tuttavia la conversazione si chiudeva con i rimandi a lupi e balene, nonché con il famoso grido di battaglia: DAJE! …e la citazione di Zoro, al secolo Diego Bianchi e del suo Gazebo.
Che dire? La letteratura italiana “non sarà mai il suo mestiere” (citando Venditti) oppure ha una “leggerissima” confusione in testa…anzi nel CERVELLO, quello che, spero, abbia messo nel tema!
Speriamo bene!
DAJE!
Alla prossima!
Kali

P.S.
Sono una zia anomala, lo so. Ma lui è il mio nipotONE e…io può! 😉

(…)tuo padre sembra Dante e tuo fratello Ariosto (…)

Tutti gli anni, Venditti ci ricorda quei momenti. Quando l’anziano e bravissimo prof di consolidamento all’università, mi confessò di sognarlo ancora, mi  sembrò così umano…e io un po’ meno scema!
Ancora oggi capita, anche se molto meno e nel sogno mi dico “alza la testa: la tua Minerva*  è lì e non te la leva nessuno!
Ma quel pomeriggio caldo e lunghissimo, passato al tavolo di cucina e io non studiavo mai li, lo ricordo come fosse ieri. L’italiano era la mia materia preferita, me la cavavo bene, non avrei dovuto avere problemi…facile a dirsi. Scrivi, scrivi, ripassa, annota, sfoglia…un secolo fa.

image

Immagine presa dalla rete

Adesso tocca al nipotONE.
Cavolo! Ma non hanno suonato ieri le campane a festa per la sua nascita? Dove sono finiti questi quasi 19 anni?
Mammamia!
Spero l’italiano gli sia diventato un po’ più digeribile…
Spero vada bene.
Poi studierà per il test d’ammissione a fisioterapia…niente Architettura, per fortuna!
In bocca al lupo a tutti.
Zia Kali

image

Immagine presa dalla rete

*La Minerva campeggia sul magico “foglione” di chi ha lottato e vinto alla Sapienza di Roma.

La zia muratorA

 S: “Zio, è vero che adesso Zia aggiusta la casa della nonna?”

Orso: “???”

S. “Siiiii! La Zia, la Zia! Adesso viene e l’aggiusta!”

Orso: “Guarda che la Zia mica fa il muratore! La zia farà il progetto, poi chiameremo gli operai e la casa della nonna verrà aggiustata”

S: “ Ah! Ma allora non l’aggiusta la zia!”

Orso: “No la zia fa l’architetto…”

S: “Architetto? E che fa l’architetto?”

Zia Kali: “la muratorA!”

Il piccolo S. deve aver sentito parlare i “grandi” ed ha interpretato a modo suo.
La casa della nonna è quella di Papà Orso.
Forse qualcuno di voi ricorderà la frana di Giampilieri dell’ottobre 2009 QUI le foto
e Qui (1 , 2 , 34)  i racconti
Adesso la casa è in zona “verde” e possono iniziare i lavori.
Vogliono che sia io ad occuparmi del progetto e di seguirli.
Inizieremo dalla parte bassa, quella invasa dal fango.
Successivamente (un po’ per volta) “saliremo”.
I lavori sono tanti…
Come pure le aspettative.
Speriamo bene…
Devo iniziare il progetto: prevedo un’estate di lavoro con trasferta annessa.
Molti non sono tornati, tanti non ci sono più.
Qualcuno resiste, qualcuno riapre le attività.
Ancora tante transenne, tanti lavori.
Sulla montagna continuano ad operare…spero bene.
Per ora ho visto tanto cemento, barriere, sottopassi per l’acqua, un’intera zona da demolire per fare da “via di sfogo”per eventuali frane e fiumi d’acqua e fango.

Nell’immediatezza della tragedia se parlavi a qualcuno di Giampilieri, ti rispondeva “Ah, si quello della frana per colpa dell’abusivismo” GRRRRRRRRRRRRRR!
(Vi rimando al primo link per sapere cosa ne penso a proposito) adesso, nessuno ricorda più.
Io si.

Tornarci è sempre un dolore.
Entrare nella casa dell’Orso un pugno allo stomaco.
Se Papà Orso non fosse morto prima, sicuramente sarebbe stato travolto dal fango in casa sua o per strada al ritorno dalla partita a carte con gli amici.
Nemmeno questo pensiero aiuta a stare meglio, ovviamente.
Adesso lo troverò sulla porta, insieme al mio, a dirigere i lavori e se mi fischieranno le orecchie…
saprò il perché.

Le foto di Giampilieri e del disastro ve le ho già linkate
Vi lascio una foto scattata a L’Aquila durante il mio sopralluogo raccontato nel post “mi accompagni?”
Accanto alle tante chiavi lasciate sulle transenne c’era anche un cartello che diceva

“Queste sono le chiavi delle nostre case, appese alle transenne come le nostre speranze”

A Giampilieri qualcuno la speranza l’ha persa, altri la stanno ancora cerando.
Kali