BLOttoG!

wpid-20140314_165647.jpg

Tanti auguri a me, per questi otto anni di blog.
Tanti sorrisi a voi che passate, anche se leggete soltanto, perché ogni attimo passato qui è un istante di condivisione.
Auguri per questo tempo che ci cambia, ma le parole scritte restano immutabili.
A presto.
Kali

Annunci

Sintesi del Musée d’Orsay a Roma.

Musée d’Orsay. Capolavori

Breve commento.
La mostra è da non perdere.
Purtroppo, come al solito, le mostre al Vittoriano, peccano nell’allestimento.

image

Vittoriano (Altare della Patria) Piazza Venezia. Roma

1) Non saltate il breve documentario introduttivo che vi spiegherà l’evoluzione dell’idea del Musée d’Orsay e delle sue trasformazioni

2) Non perdete la saletta didattica (appena entrati a sx) perché fornisce spunti, chiavi di lettura ed un sacco di info utili.

Jean-Jacques Henner "La casta Susanna" 1864 http://www.musee-orsay.fr/it/collezioni/opere-commentate/pittura.html?no_cache=1&zoom=1&tx_damzoom_pi1%5BshowUid%5D=2393

Jean-Jacques Henner “La casta Susanna” 1864

3) Non perdete assolutamente la sezione dedicata al progetto di Gae Aulenti: anche se non siete architetti e non vi metterete a scannerizzare i tratti di china come ho fatto io, vedrete dei disegni analogici, che vi daranno la misura del lavoro certosino per la  rappresentazione grafica prima di AutoCAD, inoltre in un brevissimo video, l’architetto (una delle poche famose, scomparsa un anno fa) vi spiegherà il passaggio da Stazione a Museo

image

Arch. GAE AULENTI “Musée d’Orsay” Amenagement Int. 1:100 11/07/1982

4) Guardate le bellissime foto in b/n della Gare

5) Prendete l’audioguida, ma guardate più di quello che racconta

6) Appena davanti alla finestra a pavimento, guardate Roma li fuori

7) Guardate anche oltre la mostra

8) Scegliete un orario poco affollato: gli spazi non sono quelli del Musée d’Orsay

9) allontanatevi per vedere le opere puntiniste e divisioniste e solo dopo avvicinatevi, altrimenti non ne capirete l’essenza (lo spazio lo consente a fatica, ma ci si riesce. Ve l’ho già detto che l’allestimento lascia a desiderare?)

10) Non siete al Musée d’Orsay, quindi non sperate di vedere l’Olimpia di Manet o Le Déjeuner sur l’herbe o la Bambina col gatto di Renoir, MA ci sono opere altrettanto famose oltre ad altre meno note, ma ugualmente belle.

11) Non siete a Parigi e non siete al d’Orsay: godetevi la bella mostra e non fate paragoni.

image

Bernini ritrovato. Fontana del Trinone in piazza Barberini.

12) anzi, uno fatelo: tre presidenti francesi hanno portato avanti l’idea del museo, con continuità, evitando che la gare venisse demolita, (Le Corbusier avrebbe dovuto costruirci un super albergo) e consentendone un riuso eccellente. A  Roma ci sarebbe stata la stessa continuità? Inoltre avrebbero attaccato  Gae con l’accusa di aver stravolto un “capolavoro” esattamente come è successo nel caso ex Unione Militare (edificio molto meno prestigioso della Gare)  a via del Corso di cui ho già parlato.
Insomma: BUONA MOSTRA! NON PERDERLA!

image

Arch. GAE AULENTI “Musée d’Orsay” Amenagement Int. 1:100 11/07/1982 (dettaglio)

Un saluto.
Kali

P.S.
Tutte le immagini sono miei scatti con lo smart-phone tranne la foto della “Casta Susanna” presa dal sito.