Scrivimi…

Stavo ricercando il “se fossi” pubblicato sulla vecchia piattaforma e alla voce “canzone preferita” c’era e c’è “SCRIVIMI” di Nino Buonocore, datata 1990 album “Sabato domenica e lunedì”.
L’Orso era partito per il primo dei suoi corsi, era settembre.
Eravamo insieme da quasi due anni e di partenze ce n’erano già state tante. Quella volta fu ancora più dura: l’avrei rivisto solo a Natale e Pasqua.
“Scrivimi” e il treno partiva…ancora.
Ci si scriveva con la carta, la penna, i francobolli…
“Scrivimi” e il treno spariva inghiottito dalla città, dal nulla.
La canzone ha vent’anni, io mi commuovo ancora ascoltandola e…ho appena ricevuto un sms dell’Orso.
Scrivimi…

Annunci

14 thoughts on “Scrivimi…

  1. quanta empatia tra una giraffa e un orso … è proprio vero: l’amore abbatte tutti gli ostacoli!!! 😉
    dai, manca poco a domani!!
    PS: è una canzone che non ha alcun significato particolare per me … ma mi è sempre piaciuta … 🙂

  2. Eccomi cara, di rientro da un bel week end fuori Provincia in compagnia del mio amato bene, finalmente mi sono ritagliata la mia bella fetta di tempo per recuperare tutti gli aggiornamenti degli Amici e finalmente passare a farti una visita più articolata nella tua accogliente casina.
    Sono felice di ritrovarti e inizio da qui i miei commenti ringraziandoti, perchè senza saperlo hai postato una di quelle canzoni che mi sa emozionare anche a distanza di anni.
    A questo brano non ho legato nessun ricordo particolare, ma il connubio musica-testo era qualcosa di incredibilmente coinvolgente e quando l’ascoltavo mi scioglievo letteralmente.
    E ora che ho letto questa goccia di memoria della tua storia d’amore, la sento ancor più vera e viva.
    E’ bello stare qui, e ovviamente non sono giunta a mani vuote: che ne dici di una flute di ‘Soave’ e qualche Mozartkugeln? 😉

    • Le “palle di Mozart”! SLUUUUUUUUUUUUURP! *HIC!* Pure il soave..*HIC!*
      Grazie!
      Potevi venire anche a mani vuote, i Tuoi pensieri sono un bellissimo regalo.
      Si vede che non “butti giù ” due righe tanto per fare: cosa c’è di più bello?
      Insomma, pensavo di essere la sola a ricordarmi di questa canzone, invece…
      Sono felice per il tuo week end!
      la lontananza…eh la lontananza, ottimo banco di prova!
      ma quante sofferenze…

      • Oggi visto l’orario proporrei un prosecchino e magari un po’ di stuzzichini, che ne dici?
        E visto il tempaccio poi ci potrebbe stare un bel carrello di bolliti alla piemontese con tante ottime salsine e una buona Barbera di accompagnamento.
        Se ancora non si è capito….sembro una che pensa solo a mangiare, ma effettivamente…è così ;D
        Beh ogni tanto sono anche seria, altrimenti ci sarebbe da preoccuparsi 😉
        Mi sono riascoltata la canzone ed è partito un sospiro lungo da qui a là.
        La lontananza è sì un ottimo banco di prova, ma diventa anche un pensiero triste che contrappunta giornate incredibilmente lunghe e vuote.
        E si continua a scrivere….e si aspetta….
        E quanta pazienza…..

      • Ecco…io assaggerei tutto!
        Mamma mia che fame! Hem… “appetito” “le signore non hanno mai fame, si dice APPETITO!”, Si, comunque io c’ho fame! E non sarò una signora, me ne farò una ragione.
        Il carrello dei bolliti me lo racconta sempre mia sorella che va spesso a Biella per lavoro e io ho una voglia di vederlo (prima) e provarlo (poi) SLURP! E gli stuzzichini? AAAAAAAAAHHHHHHHHH! E il prosecchino? *HIC!*

        Io sono una collaudata da lontananza.
        Il treno che parte, il vuoto, le telefonate, le lettere, le attese…otto anni così.
        Poi la vicinanza, finalmente.
        Ma a tutt’oggi, ogni partenza e come in quegli otto anni: uno strazio infinito.

    • Rieccomi cara, avrei voluto risponderti prima, ma sono stata letteralmente travolta dagli eventi e solo ora riesco a fermarmi e riprendere il discorso da dov’era stato interrotto.
      La sorella del mio babbo ha sposato un biellese ed è stato lì che ho scoperto ‘sto mitico carrello dei bolliti di cui in giornate un po’ piovose e grigie oltre che fredde, ne rivendicherei la presenza seduta stante.
      E per fortuna che mia madre non è frequentatrice del web, perchè se leggesse questa mia dichiarazione d’amore per il sopracitato assortimento, quando rientro a casa mi potrebbe attendere sulla porta con uno spiedo con il quale mi infilzerebbe a mo’ di pollo.
      Infatti quando fa il bollito (ed è una cuoca sopraffina) per poi ottenere il brodo da destinare a un ottimo risotto, la mia faccia è una smorfia unica e la carne la devo sommergere di salsa al rafano e maionese.
      Solo al ristorante lo mangio, e credimi è un’esperienza libidinosa!!!
      Dai, dopo il teletrasporto parigino passa da me, ti do le coordinate e ti porto direttamente a Biella nel mio risto preferito 😉

      Comunque parlando di distanze e partenze, per quanto si possa essere appunto…’collaudate’, ogni volta è come la prima, al dolore del distacco non ci si riesce ad assuefare…

      • ZAP!
        Sono li!
        Quando si mangia?
        Io sono una curiosa e mi piace assaggiare.
        Il bollito di casa lo mangio con olio e limone, non amando troppo le salse, ma penso che, proprio per curiosità, davanti a quel carrello…proverei tutto!

        No, no, alle partenze…non ci si abitua mai.

  3. non avevo ancora letto questo post! 😀
    c’è sempre nella nostra ( lunga ) vita affettiva con la persona che abbiamo accanto, una canzone, una poesia, un tramonto, una giornata particolare, che è solo nostra – un nostro a due, naturalmente – e di nessun altro!
    io e mio marito ci conosciano da quasi quarant’anni. abbiamo un lunga serie di insieme da ricordare, ma la cosa alla quale siamo più legati è stato il primo ellepì comprato e ascoltato insieme ( 4 way street di c,s,n & y – siamo due rockettari nel profondo dell’animo! )

E tu che ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...