Incomunicabili emozioni…

Ci sono
sensazioni che, per quanto ci si sforzi, non si riusciranno mai a comunicare come si vorrebbe.

Questo
perché, certi stupori, non sono comuni, universalmente condivisi e
riconosciuti, come la bellezza di un quadro di Manet o la grandiosità della
Tour Eiffel.
Alcune emozioni nascono dal nostro vissuto, dalle nostre conoscenze, dal quel
bagaglio, grande o piccolo, di cultura che abbiamo faticosamente ammucchiato
nella nostra memoria.

Ricordo
che, quando ebbi il grande incidente con la moto, ormai tanti anni fa, temevo di scoprire di aver perso memoria di ciò che sapevo, ma per fortuna
non accadde.
Dicevo…

Certe
cose che a noi riescono ad emozionare fino alle lacrime, che ci stringono lo
stomaco, che ci fanno scattare centinaia di foto, possono sembrare
incomprensibili ad altri.

E non
importa quanto ci siano vicini, quanto siamo capaci di coinvolgerli.

Per
qualcuno Villa Savoye di Le Corbusier sarà sempre solo una “casa” e sarà
incomprensibile scegliere di andare a Poissy per visitarla, piuttosto che a
Disnayland Paris per trovare Topolino.
Per qualcuno la Defense, sarà troppo moderna (contemporanea, si dice
contemporaneaaaaaa!) con tutti quei grattacieli, la piramide del Louvre, fuori
contesto, l’etoile di strade intorno all’Arco di Trionfo una scelta
spettacolare di un urbanista illuminato, ed il Centre Pompidou una fabbrica di
tubi.

Ma chi
quella Villa Savoye la vede uscire da un foglio di carta lucida,vede quei
tratti di china diventare muri reali, quel disegno che aveva immaginato
tridimensionale solo nella sua testa, (perché i render 3D non esistevano
ancora) farsi reale e poterne percorrere i camminamenti, gli spazi, percepirne
la luce…

Ecco,

quell’emozione,
più grande della vista della tour Eiffel da vicino, non è comunicabile.

Allo
sbeffeggiamento per l’estasi da architettura contemporanea (e moderna) sono
abituata ormai, (l’architettura antica affascina più facilmente) ma, in fondo,
è normale, perché per capirne l’essenza devi avere una passione specifica
(tanta).
A Villa Savoye, non c’erano turisti, ma solo architetti o studenti: gli
accompagnatori si guardavano rassegnati come a dire. “boh, ma che avrà di
speciale ‘sta casa?”, mentre gli altri, in estasi, giravano rapiti da
quell’architettura  vecchia di ottant’anni
eppur così attuale consapevoli di passeggiare nella storia e di non poter
comunicare al meglio quella gioia infinita.

Signori…

Villa
Savoye a Poissy di Le Corbusier: 1928-1931

Emozione pura...

Altre foto QUI : http://www.flickr.com/photos/kalispera2007/

PUNTATE PRECEDENTI

  1. JUMP IN…
  2. NONOSTANTE TUTTO…
  3. IL “TRALICCIO” http://kalisperaa.spaces.live.com/blog/cns!680C16B091E2D1C1!5685.entry
CIAO a tutti.
Kali

15 thoughts on “Incomunicabili emozioni…

  1. è vero che non a tutti piacciono le stesse cose, è vero che quello che per me è ‘essenziale’ agli occhi di qualcun altro può sembrare insignificante … ma il mondo è bello perchè è vario (o avariato, come dice qualcuno) … PS: mi ha scritto minnie (sai che topolino se la tira troppo per farlo di persona!!) dicendo che topolino c’è rimasto malissimo quando ha saputo che sei andata fino a parigi e non sei passata a salutarlo … fossi in te, gli farei almeno una telefonata!!

  2. @ FABAllora dobbiamo organizzare un tour!@LILLAA Topolino ho mandato i saluti e baci per interposta persona: mentre io e l’Orso eravamo a Villa Savoye, mia sorella e la sua amica erano a Disneyland! L’Orso aveva chiesto un giorno libero, ma, ovviamente è stato PRECETTATO! (see, seeee in giro per Parigi, da solo, se seeeeeeeeee!)P.S.La varietà del mondo è proprio la cosa più interessante: per questo non trascino nessuno nelle mie esplorazioni…l’Orso viene sPINTANEAMENTE! 😉 Ahh l’amour!

  3. verissimo e nel caso particolare, si deve essere proprio appassionati per scegliere di andare a Poissy invece che a Sully sur Loire a vedere il più vecchio castello della Loira. Personalmente rifuggo le esagerazioni del futurismo e, manco a dirlo, il Louvre lo preferivo (e l’ho visto) prima della posa della piramide :-)Credo che sia peraltro molto più semplice per un profano, restare affascinati dall’architettura del passato già al pensiero di come siano state disegnate e realizzate certe costruzioni paragonate ai mezzi tecnologici di cui non disponevano per esempio gli egizi per costruire una piramide, o i greci per erigere il colosso di Rodi. Comunque, è molto bello vedere che c’è ancora chi si appassiona e si emoziona in un’epoca in cui sono ben altri i valori fondanti.ps. mai stata a Disneyland Paris…. e non lo farò mai!

  4. io stravedo per l’arte contemporanea, architettura compresa (consiglio un giro a Berlino)ma questa casa Savoye non mi garba affatto!(e son stato delicato)

  5. @ Signora dei Sogni, Mauro e…Io non sono contro le innovazioni architettoniche ed ai contrasti e questo, probabilmente, perché è il mio campo e riesco ad andare al di la del semplice giudizio estetico.Questa casa la cui visita potrebbe sembrare meno importante di altre, è un caposaldo dell’architettura moderna (non contemporanea: sono due cose distinte). Certo bisognerebbe guardare oltre la foto che ho pubblicato, rendersi conto che è stata costruita tra le due guerre, sapere che il calcestruzzo armato era ai suoi esordi e che, questa "semplice" casa, esprime, per prima, le cinque enormi possibilità di questo nuovo materiale. Bisognerebbe capirne la luce, i percorsi, l’assenza di barriere architettoniche "ante litteram" il concetto di Tetto giardino, finestra a nastro, pianta libera, facciata libera, pilotis.., e mille altre cose che fanno di questa architettura un capolavoro. Ma, come dicevo proprio nel post, ci sono cose che non è possibile comunicare ed aggiungerei: per fortuna!Altrimenti, a Villa Savoye, ci sarebbe stato lo stesso numero di persone che c’era a Notre Dame!

  6. RETTIFICA:Ieri sera l’Orso s’è risentito: ha detto che EGLI viene con piacere in giro per architetture (e mercatini HE! HE! Lilla, io come te… ADOOOOORO i MERCATINI!)!Egli ha anche detto che non si sente costretto "spintaneamente"…Quindi ci sono alcune possibilità:1) l’Orso è un santo2) l’Orso è un masochista3) l’Orso è ormai talmente assuefatto all’architettura, da ritenerla materia anche sua (in effetti, alle volte fa delle osservazioni strabilianti…) 4) l’Orso teme che quella svaporata di Kali in giro da sola, ne combinerebbe qualcuna delle sue, quindi meglio accompagnarla5) l’Orso, in una vita passata, era un grande architetto o un Ingegnere (NOOOOOOO! un Ingegnere NOOOOOOO! HE! HE! HE!*)5) l’Orso ama Kali fino al sacrificio6)L’Orso è l’Orso…*Questa è riferita all’atavica rivalità tra Ing e Arch. @FABNel tuo caso, esiste UNA SANTA: Santa Fab!Se ti serve una compagna di scorribande, rinnovo l’idea del tour e non importa si tratti di mercatini, stradine, palazzi…io vengooooooo!

  7. Hai trascurato l’ipotesi che l’Orso sia un gran para…. A parte gli scherzi, io credo che l’architettura contemporanea sia intellettualmente coinvolgente quanto quella classica, anche se quest’ultima lo è in maniera più immediata e emotiva. Se poi si ha qualcuno che fornisce le giuste chiavi di lettura (e l’Orso ce l’aveva, ah se ce l’aveva…) allora il gioco è fatto.Fra le cose più intense e belle che ho visto negli ultimi anni ci sono sicuramente alcune costruzioni e chiese che ho visto in Finlandia, di Alvar Aalto e di altro (impronunciabili) suoi colleghi.Forse in qualche caso l’attività architettonica (e artistica) contemporanea devono ancora subire il filtraggio del tempo, che farà giustizia di alcuni orrori sperimentalisti, e lascerà le espressioni più pure e più "belle"… Ma qui si apre il dibattito! 😉

  8. @ Federico S.Se scrivi commenti così, mi tocca rivalutare l’eterna rivalità!(Arch.- Ing)NON VALEEEEEE!P.S.La tua possibilità, circa L’Orso…ci sta!Quindi:7) L’Orso è un gran para…

E tu che ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...