DIARIO (veloce) #1

Approfitto dell’assenza del Nipotone 14enne arrivato ieri e spedito con Zio (Orso) e Nonna (Orsa) a fare alcune commissioni.
Mi riprendo un attimo e vi racconto.
S’è portato un bagaglio che neppure stesse fuori un mese:
"Zia, ho portato un cambio d’abito per ogni giorno dal Jeans al giubbotto alle scarpe"
(mah, forse voleva fare una sfilata!!)
Totale 1 borsone e 3 zainetti!
Non fa altro che chiedere cos’è questo e cos’è quello.
Si ricordava la casa più grande e giù a spiegargli che l’ha vista quando aveva 6 anni e quindi è logico!
Appena è arrivato ha cominciato a chiedermi, a raffica:
"Quando ci alziamo domani, dove andiamo, che facciamo…"
Non mi molla un istante con pressing soffocante, infatti adesso, sto prendendo fiato: HE! HE! A bocca aperta
L’oggetto che l’ha più incuriosito è stato (per ora) questo:


l’ha paragonato, nell’ordine a:
  1. L’astronave vista in "Man in Black"
  2. Un’arma di offesa vista nel film "il libro della giungla"
  3. un supporto per, non ricordo cosa, ma faceva ridere

Juicy Salif, Spremiagrumi  Philippe Starck  e Alessi ringrazierebbero!

Vi confesso una cosa…adoro quell’oggetto che ho tanto desiderato e che, l’Orso, mi ha regalato qualche Natale fa…

ma per una spremuta d’arancia utilizzo, molto più spesso, uno spremiagrumi in plastica costo €1!

Più pratico e con il colino incorporato per non far cadere semini e filamenti nel bicchiere!

Con il "ragno" così chiamo l’oggetto di design di Starck, devo mettere un colino sul bicchiere e tenere ferme le zampe con una mano, mentre con l’altra ruoto il mezzo agrume!

Però è bello,

bello, ma poco funzionale e molto costoso,

però è bello… e fa ridere quando, qualcuno che non lo conosce, mi chiede a cosa serva e, come mio nipote, si lancia in fantasiose interpretazioni.

Adoro il mio "Ragno"!

Adesso scappo, perchè stanno per tornare! Animoticon

A presto per un altro racconto…appena troverò un attimo!

Baci a tutti!

Kali

 

Foto dal sito dell’Alessi lincato sopra.

 

Annunci

Auguri a tutti quelli che mi vogliono bene…e anche a gli altri!

 

Auguri

Spero tutto vada bene e sia un Natale sereno, per tutti.
E non mi riferisco all’arrosto bruciato o al ragù insipido,
ai regalo che proprio non ci piace, o al frugoletto che scompagna il servizio buono.
Neppure ai cinque euro persi a tombola, perché, si sa, vincono sempre i bambini, oppure i nonni (ad averne!).

Mi riferisco a quella sensazione assurda che mi pervade da qualche giorno, e la scrivo qui per esorcizzarla.
Non lo so.
Eppure sto cercando di essere positiva, di vivermi questi giorni per quello che saranno.
Spero tutto vada bene,
spero in un periodo di feste come tutti gli altri:
tranquillo, uguale, ma maledettamente sereno.

Serenità a tutti.

Un abbraccio.
Kali


Foto:
Festung Hohensalzburg‎
Salzburg

 

La gatta illuminista. Citazione del blog a fumetti di ERIADAN…

 
Ormai quasi tutti hanno allestito il proprio albero di Natale.
Tra i blog a fumetti che frequento, ce n’è uno che mi piace particolarmente, sia per la grafica che per i contenuti.
Quello che vi segnalo oggi è di ERIADAN.
La striscia che riporto è presa proprio dal link sopra.
Per chi non l’avesse mai letto, la protagonista è ZIRCONIA, la micia siamese di casa, intellettuale e con la passione per l’ASTROFISICA.
Zirconia divide le coccole degli umani con Maya la "cana" di casa.
La striscia è molto significativa…soprattutto in tempi come quelli che stiamo vivendo.
Buona "visione" e andate a sorridere da ERIADAN guardando anche le altre strisce.
 
 
Ciao a tutti.
Kali
 

 
 

 

ORSO DIXIT!


Questa sezione si intitola “CUORE DI ZIA”

Di E. vi ho parlato tante volte.

Quest’anno è in prima liceo.
Ha scelto lo “scientifico tecnologico” con più materie scientifiche e niente latino.

Va pazzo per la matematica e le scienze, meno per le materie umanistiche.
E. ha convinto mamma Orsa (sua nonna) a passare il capodanno da Noi.

La nonna è un pretesto: a 14 anni i genitori non l’avrebbero mai fatto salire su un treno per Roma da solo.

Sarà dura, per la Nonna, perché, da quando non c’è Papà Orso, è la prima volta che prende quel treno.

Sarà dura per l’Orso.

Sarà dura…

Ma…

C’è E.

Con la sua voglia di

  • vedere “il centro commerciale che ci vuole una giornata per girarlo tutto”,
  • "visitare" il  negozio di sport su due piani con ascensore interno
  • assaggiare il kebab
  • girare per Roma

e…

 

  • andare a sciare!

Si, perché il “piccolo” vuole vedere la neve ed avere lezioni di sci dalla zia!

Considerando che quando l’abbiamo portato alla fiera di Messina e per la prima volta da Mc Donald, era al settimo cielo…   

Non oso immaginare cosa combinerà stavolta!

Zia Kali vuole infilare nelle “attrazioni” anche una visita alla Biblioteca ad almeno un museo, perché sono esperienze che E. non ha ancora fatto.

Devo scegliere il museo.

Pensavo alla Galleria Borghese, non così grande da incutere timore e piena di bellissime opere.
Oppure il Campidoglio coi Musei Capitolini, o l’Ara Pacis, o l’Altare della Patria col museo del Risorgimento e gli ascensori panoramici.

Perché Villa D’Este?

Mmmmm

Vado a guardarmi  il primo volume dell’Argan e prendo spunto…

Sarà dura scegliere!

 

Ahhhhhhh!

Dimenticavo!

E. adora  i gatti ed i cani. La sua “cana” Luna, di cui ho già parlato, ha avuto 6 cuccioli.

E. è impazzito di gioia e a malincuore ha dovuto trovare amici selezionatissimi a cui affidarne almeno quattro.

Così, nell’ultima telefonata, sabato scorso, gli ho chiesto se dopo il liceo vorrà fare il veterinario.

Taceva…

E: “No, zia, mi piacciono gli animali, ma il veterinario proprio no!”

KIA KALI: “Allora il medico come il tuo papà? Beh, certo, capisco, così avrai un valido sostegno! Ottima scelta!”

E: “Hem, (pausa) hem (pausa), veramente… (pausa)”

 

(Ed io pensavo “oddiooddiooddio, nooo, non dirmi che, oddioodddiooddio”)

ZIA KALI: Allora che pensi di fare?

E: …L’ARCHITETTO!

 


 

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!
SONO SPACCIATA!

 “Te l’ho detto che a furia di seminare…”
ORSO DIXIT

 

 

Nottetempo mi do alla fuga: 

chissà se Babbo Natale a Rovaniemi, ha bisogno di una mano…

 

Animoticon


 Ciao a tutti.

Kali

* Immagini prese dalla rete. Quella col Babbo, dal suo sito ufficiale! Fateci un giro!

 

Che “Paura di spavento!”

 


Che “Paura di spavento!”
come direbbe Topo Gigio,

oppure…

Che PAVURA

Come direbbe Giuseppe Giacobazzi di Zelig

 

 

HO CAPPOTTATO!
stavolta con l’auto!
Che giovedì ci fosse il diluvio a Roma e dintorni, è cosa nota, ma io stoica come molte altre blogger , sono uscita con l’auto per andare a Roma.

Sulla Braccianese c’erano ampissime pozze sparse qua e la.

Andavo piano, molto piano…

L’auto davanti a me (a distanza di sicurezza) frena di botto, subito dopo una vastissima pozzanghera che è più corretto chiamare “lago”, mentre io, invece, mi trovo nel bel mezzo.

Inutile dire che navigando su uno strato d’acqua i freni erano inutilizzabili.

Allora la scelta era: un frontale con l’auto che veniva nella direzione opposta, un tamponamento a catena che si sarebbe innescato urtando contro chi aveva “inchiodato” davanti a me e… il fuori strada.
Ho scelto il terzo, ma una collinetta ha favorito l’effetto ribaltamento.
La mia supercar è rimasta in bilico, senza capovolgersi…
penso mi chiederà i danni per averle fatto vivere attimi da Jeep!

PAURISSIMAAAAAAAAAAA! Ho pensato: "adesso mi ritrovo a testa in giù!"

Attimi stranissimi, in cui radio Deejay continuava a suonare ed io mi chiedevo se fosse successo proprio a me e come avrei fatto a rimettere dritta l’auto.

Qualcuno che passa chiede se è tutto a posto (?) se ho il telefono e se può andar via (?) qualcun altro, invece, che, pur facendo le stesse domande, non si accontenta delle mie risposte rassicuranti (?) ferma l’auto scende ed inizia a coordinare i soccorsi.

“Come stai?”

“Sai come scendere?”

“Vieni via di li! “

“Esci dall’altra parte, apri il finestrino”

Ed io…

"Ma si apre la portiera! "
(l’altra, quella a "monte" dal lato del passeggero, visto che la mia era quasi sull’asfalto!)

HOOOOOOP!
Con l’agilità di una biSSSSSSSSSSia d’acqua… esco.

“Devi prendere niente?”

Acc…

Certo!

Il portatile con tutto il lavoro!

Rientro dalla parte posteriore, strisciando nuovamente come la biSSSSSSia di cui sopra, incurante del fatto che avrei potuto cappottare definitivamente l’auto (dovevo salvare il portatileeeeeee!), spengo pure la radio, il quadro e le luci (già che c’ero!) esco di nuovo.

I piedi sull’erba lunga e viscida e già mi vedevo sdraiata nel fango tipo lottatrice, ma col pc ben alto sulla testa, per evitare danneggiamenti.

Scendere dalla collinetta non è stato facile, figurarsi “guadare” il fiume che la divideva dall’asfalto!

Ma M. cavaliere senza macchia e senza paVura, toglie uno di quei paletti col catarifrangente e lo posiziona a mo di ponte sul fiume:
attraverso: salva!

M. ha un negozio che ha a che fare con le mie competenze.

Forse per stemperare la tensione si inizia a parlare di possibili collaborazioni (ottimizziamo pure i tempi!)

Mi accompagna dal carro attrezzi, col quale parto per il recupero.

Ma…

Quando arriviamo sul posto…

C’era la polizia provinciale e ben DUE, dico DUE carri dell’ACI!

L’auto era fuori dalla carreggiata, tranquillamente parcheggiata sulla collinetta, ma la solerte vigilessa non ha voluto sentire ragioni.

Temeva per la sicurezza stradale ed ha chiamato lei l’ACI…

Peccato che non avesse utilizzato la stessa solerzia per chiudere una strada ridotta ad un fiume in piena  ed evitarmi così quella brutta avventura.

Vi risparmio le diatribe ed il “rapimento” della mia car perfettamente funzionante che io rivolevo subito, senza dover essere trascinata fino al deposito!

Vi risparmio pure l’inc****** furiosa per i €250 che mi hanno rapinato, e l’amarezza per l’altro carro attrezzi che mi aveva accompagnata fin li e che si è visto soffiare via il lavoro.
Cosa sarebbe successo se fossi arrivata un attimo dopo e non avessi più trovato l’auto, perché rimossa  in maniera coatta?

Quando è calata l’adrenalina è rimasta l’angoscia anche se ero ben felice nel constatare che, a parte l’arrabbiatura, tutto fosse finito bene, mentre per qualcun altro, quel giorno, non è stato così.

Oggi diluvia.

I miei vicini di casa mi hanno chiamata per avvertirmi che Anguillarese e Braccinese erano impercorribili già al loro passaggio verso le 7.30 ed allora ho deciso:

oggi si lavora da casa!

Tanto di cose da fare ne ho…il resto si può procrastinare.

So di essere fortunata e poter scegliere (almeno per oggi) e sono in pensiero per chi, invece è li fuori.

FATE ATTENZIONE!

Un pensiero a tutti.

Ciao.

KALI-CAPPOTATA

 

P.S.

Ovviamente,un mega grazie a M. cavaliere senza macchia e senza paVura:

signore lettrici sappiate che…ce ne sono ancora!

Animoticon

 

 

L’ORSO NATALE

 

Tutto fatto.
La casa degli elfi è pronta per ricevere la visita del ciccione sulla slitta !
Orso e Kali ce l’hanno fatta!
L’Orso ha fatto la sua immersione nel ripostiglio e tra un
"Qui c’è sempre più roba! GROLF!"
"Quando buttiamo un po’ di questo ciarpame? UFF!"
"Possibile che lo scatolone degli addobbi sia sempre sepolto sotto macerie di altre cose?"
"UUUUUUUUUUUUUUH cos’è questo?"
"GROOOOLF!"
"UFFFF!"
…hem…
Poi ha anche messo tutte le luci, chiedendomi per la 10ma volta:
"Quale mettevamo per prime?"
e poi..
"Vanno prima i "fili pelosi" o le palline"?
Però l’ha allestito tutto da solo, compreso il rito della posa del puntale che, da sempre, è compito suo.
Kali ha solo spostato qualche pacchettino e pallina nascosti e posizionato la catenella di palline dorate
(AHHH! Quella proprio non la metto eh!" ORSO DIXIT)
Bravissimo!
Un vero Orso Natale.
Intanto mi occupavo delle decorazioni.
Le finestre su strada con le loro belle luci in perfetto stile scandinavo,
i decori fuori porta,
le corsie natalizie per il tavolino e l’ingresso,
candele, pigne & co. a profusione,
renne e palline ovunque.
E poi, ovviamente…
la Natività, perchè data l’essenzialità della rappresentazione, la mia vicina Partenopea D.O.C. mi ha spiegato che non si può parlare di Presepe.
 
IT’S CHRISTMAS TIME!
 
Anche la cesta per i regali è pronta:
per ora c’è solo un pacchetto:
di chi sarà?
HE! HE!
naturalmente non c’è ancora il bigliettino per il destinatario!
Scatta l’operazione "riampiamo la cesta", ma viste le sue esigue dimensioni, non ci vorrà molto!
Animoticon
 e…"PENSA AL MENU’ DEL 25!"
Ecco,
questa è la parte che mi preoccupa di più!
Qualche suggerimento?
GRAZIE!
 
Ciao a tutti.
Kali