Un divo per nipote?

  Nessun rispetto...

Di E. vi avevo già parlato in agosto, raccontandovi di gite a Taormina (la foto è di quel giorno) e alla fiera campionaria, di Mc Donald e ragazzine dagli occhi sognanti.

A capodanno gli ho fatto da "tutor" per la sua prima ricerca "on line", tema: l’energia nucleare.
Il prof. li aveva avvertiti che poteva essere una ricerca complicata, tra mille siti e difficoltà, così, gli aveva suggerito, se la cosa si fosse fatta problematica, di ricorrere alle fonti cartacee.
Ma c’era zia Kali…
DA-DAN!
Quattro giorni spesi ad imparare a fare ricerche, selezionare, leggere, imparare e sintetizzare.
Inserire le immagini ed apportare piccole modifiche con "paint", scrivere i testi, aggiungere schemi, fonti e sommario. Poi la stampa e l’impaginazione, semplice, ma efficace: proprio un bel lavoro!
Un entusiasmo che gli ha fatto dimenticare play station e tv e che ha stabiliato i genitori, increduli del risultato.
Già, perché il mio compito era "insegnargli" a fare una ricerca e non, ovviamente, fornirgliela bell’e fatta!
Contro ogni mia aspetttiva, il pargolo, l’ha anche imparata a dovere, facendo un figurone al rientro dalle vacanze, infatti, era l’unico ad aver svolto il compito!

Da quel momento, sono iniziate le sue telefonate.
Il "ragazzo", da sempre un po’ allergico alla comunicazione telefonica, mi ha chiamata per raccontarmi, per filo e per segno, parola per parola, le domande del prof. , le sue risposte e le conseguenze di quel successo che lo ha catapultato nella pole position della sua classe.
Adesso mi chiama spessissimo, per raccontarmi, come se fossi la sua amichetta del cuore, o la sorella maggiore, le sue avventure scolastiche.

Ieri è stata la volta del "CORTO".
Forse, anche in virtù di quel successo, è stato scelto come protagonista del corto che stanno girando a scuola, per Screensaver, il programma per ragazzi di rai 3.
Mi ha raccontato la trama, scena per scena, compresi gli effetti speciali ed i trucchi cinematografici.
Orgoglioso come non mai, di essere il protagonista, viaggiava a tre metri da terra, pure via telefono!
Non oso pensare a cosa potrebbe succedere, se il corto venisse, veramente, mandato su rai 3!

UN NIPOTE DIVO DELLA TV!
MAMMAMIAAA!

Ultima nota.
A Pasqua, voleva venire da noi, ma la nonna, che avrebbe dovuto fungere da "scusa" per il viaggio, non se la sente di viaggiare in questo momento (sto parlando di Mamma Orsa, chi conosce la storia capirà…) così, la mamma, per dissuaderlo dall’affrontare, solo, il viaggio in treno, l’ha messo a scegliere tra la gita all’estero con la classe e la visita agli Zii:
CRUDELIA DEMOND!
E. era molto combattuto, così l’abbiamo convinto a non rinunciare all’esperienza con la classe , alleggerendogli  la coscienza.

Ma…non crediate che non stia lavorando per ottenere, ugualmente, lo scopo!
Insomma, non è ancora detto!
Affascinato dall’idea della "colazione di Pasqua"… chissà che, Zia Kali non debba aggiungere un posto a tavola! Animoticon


Ciao a tutti da
ZIA KALI!