THINK WHITE…pensa bianco

 

Pensa bianco,
ricorda la neve.

Perchè la neve ha un odore speciale
e col sole fa mille scintille.

Perché la neve è bianco assoluto
è freddo intenso
è aria che brucia i polmoni
è orizzonti frastagliati da guglie naturali
è il cielo…
un po’ più vicino.

KALISPERA

Valtournenche -Val D’Aosta-
Vista da"Salette" 2245 s.l.m.


Think white,
Remembering the Snow .

Because the snow has a special smell
And for the sun shines

Because is snow true white
Is intense cold
Air is burning lungs
The horizon
is drawn by the peaks of the mountains
Is the sky …
A little closer.

KALISPERA

Valtournenche -Val D’Aosta-
Vista da"Salette" 2245 s.l.m.


Giornata fredda,
cielo terso e aria fina.

Voglia di vedere quelle piccole scintille,
su quelle distese candide,
Voglia di quel sole che brucia la pelle del viso.

Voglia di quella pace.

Buona giornata a tutti.
Kalispera

POESIA DORSALE

 

 

POESIA DORSALE (link al sito ufficiale)

Una sorta di gioco,
di puzzle letterario.
Comporre versi, impilando libri e leggendone i titoli.
TUTTA COLPA DI NANDO,

ingegnere insonne e cervellotico!
(HE! HE!)
Se morite dalla voglia di saperne di più…
cliccate sul link del titolo o su quello di Nando,
ma attenzione!
Se passate da lui e vi vede…
coinvolge anche voi!
(HE! HE!)

Io di "Poesie dors-ali" ne ho composte quattro,
ma visto che ho i brevetti da Istruttore di nuoto, freschi di rinnovo, ne avrei composta anche una Crawl-ali, una ran-ali ed una farfall-ali…
ma ve le risparmio!

(Questa l’hanno capita in due, anzi, forse l’ho capita solo io!)

Insomma, metto tutte e quattro le mie POESIE DORSALI:
fatemi sapere quale vi…
fa meno orrore!


 

DONNE

Ines dell’anima mia, una donna:
  ritratto in seppia,
lo scialle andaluso
cent’anni di solitudine.

Quando tutte le donne del mondo:
piante selvatiche
mille splendidi soli


 
 
MALINCONIA

La bella estate,

la luna e i falò,
ossi di seppia,
giro di vento
…ed è subito sera.


 
 
 
CONFUSIONE
 
L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello
due di due,
cronache di poveri amanti.
 

 
 
 
QUESTIONE MERIDIONALE
 
Conversazione in Sicilia.
"Cristo si è fermato ad Eboli!"


SOPRAVVISSUTI?
Allora…
BUON FINE SETTIMANA E…
BUON ALBERO DI NATALE!
 
Kali
 

CENA DI…CLASSE!

 

img444/1710/11happyendvs4.jpg

  CENA DI CLASSE
 

Signori in smoking e signore in lungo,

camerieri in livrea,

calici di cristallo,

posate d’argento,

tovaglie di lini preziosi,

menù raffinatissimo,

luci d’atmosfera,

musica d’orchestra in sottofondo…

cadeau per le signore…

 

Riuscite ad immaginare tutto questo?

A sentire il fruscio delle sete degli abiti,

il profumo delle candele,

a vedere i bagliori delle fiammelle sui bicchieri?

Ad immaginare le sedute soffici delle sedie dallo schienale alto,

i passi sui folti tappeti,

i tintinnio dell’argenteria?

Si?

Bravissimi!

Ma…

NON SERVIRÀ!

 



Cena di CLASSE, classe V C, anno scolastico…
HEM…sorvoliamo!

Non li vedevo da…

si, UNA VITA!

Mi credevano, addirittura, emigrata al Nord!
Invece, non mi sono mossa da qui, solo che la vita prende strade dalle direzioni impensabili e…ci si perde!

Nessuno aveva i miei recapiti, fino a due anni fa, quando, incontrata una mia compagna residente nello stesso paesello, ma ugualmente persa di vista, le lascio il mio numero di cellulare.

Ero un po’ titubante, perché non sapevo se avrei voluto, veramente, incontrare i miei vecchi compagni di scuola dopo così tanto tempo, ma poi, dopo che lei aveva sottolineato il desiderio espresso da alcuni di rivedermi, non ne ho potuto fare a meno.
Sono passati due anni ed a quel numero, proprio non pensavo più.

Lunedì scorso, squilla il cellulare, il numero non lo riconoscevo, così ho risposto pronta a dire che avevano sbagliato…

Invece…

La cena si sarebbe tenuta venerdì…

Seguivano dettagli sull’appuntamento.

PANICO!

ODDIO-ODDIO-ODDIO-ODDIO!

Che diavolo avranno da dirsi persone che non si vedono da …anni?
Loro si sono già incontrati durante tutto questo tempo, ma io?

PANICO-PANICO-PANICO

CHE-DICO-CHE-MI-METTO-ODDIO-ODDIOOOOOOOOOOO

Apro l’armadio,

prendo appuntamento con la parrucchiera,

ed uno con la soprintendenza per un bel restauro!

Inutile dire che c’ ho pensato per tutti i giorni che mi hanno separato dall’evento.

Ma poi, il venerdì è arrivato.
Ho lasciato l’Orso a casa e sono partita (la serata escludeva Orsi e Orse: solo ex studenti!)
La musica nell’auto, il viaggio fino al paesello vicino, quello col Castello famoso…
il parcheggio, i primi visi…

le prime parole.

Qualcuno non lo riconosco, perché è stato solo un anno con noi, altri sono immutati.
Le ragazze sono quelle “meglio conservate” i ragazzi un po’ meno (he, he!)

C’è chi ha bambini, chi lavora, chi ha ripreso a studiare, chi è all’estero per incarichi importanti, chi per…nessuno lo sa!

Farmacisti, ingegneri, psicologi, direttori d’orchestra, assicuratori, infermiere, vigili urbani…

Ricordi e risate, tante..

Qualcuno non ha perso la verve del liceo,

qualcuno ha dimesso i panni dell’”alternativo” per indossarne di più sobri.

La serata vola in fretta, qualcuno l’indomani lavora, qualcuno ha i bimbi a casa…

Non è più tempo per le notti brave!
Avevamo così poco in comune ed eccoci qui, come veterani di una guerra combattuta a colpi di versioni di latino  e con i volontari alle interrogazioni, per il bene comune.
Divisi da una vita e dagli anni, legati solo da cinque anni di ricordi e, adesso dalle mail che ci siamo scambiati.


Come al solito, il drago era solo un’ombra,

come al solito,

una volta raggiunto,

s’è dissolto.

 

Alla prossima,

se ci sarà…

 


 Buona Giornata a Tutti

Kali

 

Dicembre…

 

 

Vento, freddo e cielo a pioggia: meglio scaldarsi con un bel ricordo. 

 

Window amoung red leaves.
Autumn in Austria: a memory of a year ago.

Salzburg, December 2006

 
Kalispera