Di nuovo qui..

 Ultimi sguardi alla finestra illuminata:
domani si spengono luminarie e scintillii.
 
Quest’anno hanno brillato meno del solito,
mi hanno scaldato il cuore per un tempo più breve.
 
A casa, di nuovo.
Lasciata l’Isola ed il suo brutto tempo.
Lasciato li il 2006 e la mia voce.
Pare che, ultimamente, non ci sia mio viaggio che non sia funestato da qualche malanno e dalla febbre.
Ha fatto eccezione Salisburgo..
ve l’ho detto: è un posto magico.
 
Di nuovo qui,
con un piede nella realtà e le mani tra le cose da fare, tra l’ordine da ripristinare.
E nella lavatrice vorrei metterci il cuore e pensieri,
insieme alla felpa che sa di fumo di camino e di biscotti alle mandorle.
 
Perchè il domani che inizia sia davvero più bianco
più splendente,
come stava scritto in tutti gli auguri che ho ricevuto.
 
Ho ripassato "il colonialismo tra il XV e il XVI secolo", cercato di spiegare il significato delle parole "benestante" "predominante";
 insegnato a scrivere la "G" maiuscola in corsivo, con i suoi deliziosi arabeschi e ad andare dritti sulla riga;
 a dire "mandorla" ed "aranciata"..anche se il suono che ne è venuto fuori era decisamente bizzarro.
Ho fatto parlare pupazzi, tagliato la carne ed arrotolato spaghetti, cercando di evitare manine unte e schizzi di sugo.
 
Ho lasciato saluti sempre più anziani
ed ho guardato il mare tra i limoni,
traguardando la Calabria tra un ulivo secolare ed una pianta di arancio.
 
L’auto sempre più carica,
il traghetto col suo fascino
e poi
il lungo viaggio,
di nuovo verso casa.
Di nuovo qui.
Per salutarvi e dirvi che mi siete mancati.
 
Ho la testa piena di tanti pensieri ora.
Vorrei che tutto ripartisse, adesso, subito,
ma questa volta,
vorrei fosse quella buona.
Vorrei che il traguardo appartenesse, veramente, a questo 2007.
 
Buon anno a Tutti..
anche a me.
 
Kalispera
 
Annunci

7 thoughts on “Di nuovo qui..

  1. Ben tornata, carissima, veramente!
    Domani sarà ancora una giornata così così, ma spero lunedì di riuscire a collegarmi, un’oretta al mattino.
    Poi ci saranno giorni campali, tutta la serie dei controlli, con qualche ansia, come sempre.
    ma ne parleremo.. e tu i pensieri mettili in fila come soldatini e strigliali per bene!
    abbraccio anche all’orso
    Giulia
     

  2. Ciao Kali,anche tu sei mancata a tutti noi da quest’altra parte :)Vacanze di Natale in Sicilia, da come posso arguire. Anche io ho avuto le mie manine unte da evitare, tante cose da insegnare… La cosa più bella è stata andare ad ammirare una bella stellata con il mio primo nipotino (giusto in senso cronologico). Sembrava un esploratore con il cappottino col cappuccio e il binocolo giocattolo in mano. Ancora presto per insegnargli le costellazione (non ha neppure tre anni :)) ma è rimasto molto affascinato dallo spettacolo. Anche con l’altro nipotino mi sono dato da fare, affascinato dal suo nuovo castello giocattolo con i suoni e le costruzioni.Per il resto tanta meditazione e contemplazione dei beni naturali e culturali, in giro per la mia città.Di nuovo qua a Milano… ma non parliamo di lavatrici per favore! 🙂 Sei hai letto il mio ultimo post, avrai capito il dramma interiore suscitato da questa parola ormai…Beh, benritornata e che sia un 2007 ottimo!Ciao, Nando 🙂

  3. che bello riaverti qui.che bello rileggere le tue parole 😉
    io mi sto rimpinguando con le caramelle del dopo befana.fino alle due di notte ero piena di nipotini che mi saltavano addosso…incantati da piazza navona e dalla befana…che bello vedere il loro stupore…beh si mi sono proprio emozionata…buon anno!

  4. Mi pare di aver capito che sei stata in sicilia… purtroppo quest’anno il natale quì è stato davvero bagnato fradicio,stranamente direi, perchè di solito quel tempaccio da noi non esiste…
    Spero che ti sei divertita… è bello partire ma sentire la voglia di tornare a casa è impagabile!!
    Un saluto
    Sere

  5. Passeggiando per blog..
    compliementi.. hai un blog vrmnt carino^^
    ti aspetto da me.. sei la benvenuta xD
    Un bacino…*ale*

  6. tesoro …in quella lavatrice che intendi avviare…ricordati di disattivare la centrifuga: perchè i pensieri non si stropiccino troppo…e per evitare che il cuore,così tanto delicato,ulteriormente non si "infeltrisca"…
    bacio

E tu che ne pensi?

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...