On line..

 

 

 

Tornato.
Muto, ma presente.
Mancano i driver della scheda audio: lunedì sarà tutto a posto.
 
Venerdì, quasi finito.
Con tante cose da dire, ma senza sapere da dove iniziare.
Un po’ come quando torno da un viaggio e mi siedo a contemplare il caos,
indecisa sul dove mettere le mani.
Trambusto nell’anima e nella mente.
Ragione e sentimento che si prendono a calci
e mille pensieri
e mille paure.
Mille le cose da fare
ed una strada lunga e piena di ostacoli davanti.
In realtà le strade sono due e due le mete,
solo che adesso,
si sono accavallate, rendendo tutto più difficile.
Come se la sopraelevata fosse collassata sulla strada sottostante,
con un boato.
Iniziano i lavori per il ripristino:
i tempi mi spaventano,
i danni..
pure.
 
Sono criptica, lo so..
c’è confusione qui:
abbiate pazienza.
Vi verrò a trovare,
presto spero,
ma non lascerò commenti sibillini,
potete stare tranquilli!
Buon fine settimana,
buon S.Martino.
Qui festeggiano la festa dei ..hem, cornuti,
ma il mio augurio era quello di godere dei benefici effetti della famosa Estate.
 
Giosuè Carducci
San Martino (Rime Nuove):
 
La nebbia agli irti colli
Piovigginando sale,
E sotto il maestrale
Urla e biancheggia il mar;
 
Ma per le vie del borgo
Dal ribollir de’ tini
Va l’aspro odor de i vini
L’anime a rallegrar.
 
Gira su’ ceppi accesi
Lo spiedo scoppiettando:
Sta il cacciator fischiando
Su l’uscio a rimirar
 
Tra le rossastre nubi
Stormi d’uccelli neri,
Com’ esuli pensieri,
Nel vespero migrar.
 
 Ciao a tutti.
kalispera
>^.^<